giovedì 1 dicembre 2016

Antonelli polemico demolito dal suo Sindaco


Raffaele Cantone, Presidente dell'Autorità Nazionale Anticorruzione

La seduta del Consiglio Comunale montegranarese di ieri si è aperta col Sindaco che resocontava circa una corrispondenza tra il Presidente del Consiglio Comunale, Walter Antonelli, e il Presidente dell’Autorità Nazionale Anticorruzione, Raffaele Cantone. La corrispondenza nasce da una domanda inviata al dottor Cantone da Antonelli a proposito della presunta incompatibilità di Paolo Gaudenzi, consigliere comunale, con la carica di consigliere di amministrazione della Farmacia Comunale. Si ricorderà che, all’epoca del rinnovo del CDA della farmacia, la maggioranza indicò nel delfino di Ubaldi il proprio rappresentante in seno all’ente. Ma, secondo il Presidente Antonelli si configurava la possibilità un’incompatibilità tra le due cariche, tanto che lo stesso Antonelli utilizzò queste pagine per esporre il suo pensiero in proposito (vedi articolo).
Per verificare questa incompatibilità, quindi, Antonelli, a quanto pare all’insaputa della sua stessa maggioranza, consultò per iscritto il Presidente dell’Autorità Anticorruzione. DI questi giorni è la risposta di Cantone che esclude l’incompatibilità e riabilita la decisione della maggioranza.
Walter Antonelli e Paolo Gaudenzi
La relazione del Sindaco sullo scambio epistolare tra Antonelli e Cantone avviene in assenza del Presidente, sostituito dal Consigliere Michetti. Suona strana questa assenza e suona strana la volontà del Primo Cittadino di ritirare fuori una vicenda ormai archiviata. Cosa voleva fare la Mancini? Molto probabilmente l’intenzione era di mettere in difficoltà l’opposizione che, all’epoca, sposò la tesi di inopportunità politica sostenuta da Antonelli. Così facendo, però, il danno maggiore lo subisce lo stesso Antonelli.
L’opposizione, infatti, e lo ribadisce Mauro Lucentini nel suo intervento immediatamente successivo, riteneva e continua a ritenere la nomina di Paolo Gaudenzi inopportuna e sbagliata da un punto di vista politico. Diversa, però, appare la posizione di Walter Antonelli che è membro della maggioranza ma, in questo caso come in altri, si è mosso in maniera antitetica alle indicazioni della stessa. Questi comportamenti estremamente critici da parte del Presidente del Consiglio nei confronti della sua compagine vanno a sommarsi a un comportamento istituzionale a tratti difficile da spiegare, come la reiterata assenza per mesi dalle riunioni dei capigruppo e la stessa assenza al Consiglio Comunale di ieri.
Il voler esternare la corrispondenza di Antonelli col Presidente dell’anticorruzione da parte del Sindaco ha evidenziato ancora una volta la distanza politica tra il Presidente del Consiglio Comunale e la sua maggioranza, distanza che va avanti da anni e che, forse, sarebbe ora di chiarire. Questo ha chiesto Lucentini affermando, senza mezzi termini, che forse la figura istituzionale di Antonelli andrebbe rivista. Un Sindaco accorto e politicamente intelligente avrebbe evitato questo ulteriore scivolone.

Luca Craia

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.