martedì 6 dicembre 2016

Il no è una decisione del Popolo, non dei partiti. Non strumentalizziamolo.



Ora viene la parte brutta. Dopo la soddisfazione, legittima e dovuta, del giorno dopo la vittoria referendaria, parte immancabile la querelle su colpe da una parte e meriti dall’altra. Nel Pd le responsabilità di questa enorme sconfitta politica sono facili da attribuire, partendo dalla riforma stessa che era sbagliata, truffaldina, antidemocratica, e arrivando a tutti i trucchetti ignobili utilizzati per prendere un voto in più, la personalizzazione del voto, la sua politicizzazione e la sua ideologizzazione, le informazioni volutamente falsate passate come verità, l’insulto costante e perpetuo all’intelligenza dei cittadini. Ora, da quella parte, il pathos aumenta e assistiamo a scene bruttissime in cui, anziché rivedere il percorso fatto e cercare di capire l’errore, si continua a insultare l’avversario e molto di più l’elettore, arrivando addirittura a parlare seriamente di suffragio universale.
Ma dalla parte del No il panorama non è bello lo stesso. Qui si cerca il vincitore, ci si vuole attaccare la medaglia, si vuole prendere un merito politico in una vittoria democratica pura. È il gioco della politica ma è stucchevole e rischia di riallontanare la gente di nuovo.
La vittoria è del Popolo e al Popolo spetta in toto. È Il Popolo Italiano che ha detto no a chi voleva usare questa insulsa riforma come un cavallo di troia per sgretolare la democrazia. È il Popolo che ha capito il trucco, ha visto il bluff e ha scoperto il buffone. È il Popolo che ha detto no all’arroganza, alla spocchia, al tentativo dell’oligarchia economica di prendere il potere sgretolando l’unico caposaldo rimasto, la Costituzione. I Partiti non hanno fatto nulla, anzi, forse hanno rischiato di amplificare ancora una volta la nausea del Popolo verso la politica, quella nausea dimostrata con la disaffezione al voto che abbiamo visto fino all’ultima consultazione.
Ma stavolta il Popolo ha deciso, ha preso in mano le sue sorti e ha detto no alla politica dei giochini, a quella politica così lontana dal Popolo stesso da non capire che stava andando in tutt’altra direzione. E ora la politica deve fare lo sforzo di rimettersi ad ascoltare il Popolo, di tornargli vicino per capire le esigenze reali, le priorità vere, ne necessità di una Nazione massacrata da oltre vent’anni di Berlusconi e i suoi figli e cloni.  Ora la politica torni a elevarsi, non faccia strategie per prendere un potere che appartiene solo al Popolo e che il Popolo ha appena rivendicato. Stia attenta, la politica, perché il Popolo ora vigilerà.

Luca Craia

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.