mercoledì 7 dicembre 2016

Il pacifista col fucile





Ognuno di noi ha incontrato, prima o poi nella sua vita, almeno un pacifista col fucile. Chi non l’ha ancora incontrato lo incontrerà.
Il pacifista col fucile difende le classi più deboli contro l’arroganza del più forte, e per farlo è disposto anche a impiccare il più forte, facendolo diventare il più debole, ma questo poco importa.
Il pacifista col fucile ce l’ha coi razzisti, specie quelli della sua stessa razza e per dimostrare quanto i razzisti della sua razza siano razzisti cerca tutte le fonti storiche che dimostrino quanto è stata bastarda nella storia la sua razza.
Il pacifista col fucile è animalista e difende gli animali a tutti i costi. Guai a fare del male agli animali. Se ci provi, il pacifista col fucile è disposto a farti male.
Il pacifista col fucile è ateo, e per dimostrare quanto sia ateo ce l’ha a morte con i cattolici, i preti, i Santi, gli angeli e gli arcangeli. Ce l’ha anche col Padreterno che, però, non esiste.
Il pacifista col fucile è tollerante con tutte le culture, tranne che con la sua. Per dimostrare, per esempio, che i Musulmani non sono cattivi, il pacifista col fucile dimostra oltre ogni ragionevole dubbio quanto siano stati cattivi i cristiani in passato.
Al pacifista col fucile piace il Papa, ma solo quando dice cose che gli piace sentire. Altrimenti il Papa è un pretaccio come un altro.
Il pacifista col fucile vorrebbe buttare giù tutte le chiese e, quando a buttarle giù ci pensa il terremoto, grida al mondo intero che bisogna ricostruire tutto meno che le chiese. Il pacifista col fucile decide per tutti, pure per i terremotati.
Il pacifista col fucile ha la verità assoluta e, nella sua tolleranza progressista, è assolutamente intollerante. Se non la pensi come lui hai torto.
Se avete esperienze con un pacifista col fucile, raccontatemi la vostra: la aggiungerò qui sotto.

Luca Craia

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.