giovedì 23 febbraio 2017

Ceriscioli si giustifica da solo. Ma i fatti parlano più di Errani.



 ''Le frasi di Vasco Errani pubblicate questa mattina si riferiscono ad una riunione con tutti i sindaci delle comunità colpite dal sisma. Durante un confronto possono anche esserci momenti di tensione, motivati non dal desiderio di alimentare lo scontro ma dalla voglia di fare sempre meglio e sempre velocemente, ma certamente non ci distolgono dal continuare a lavorare insieme per il bene delle nostra gente. Non abbiamo bisogno di polemiche e strumentalizzazioni''. Lo dice Luca Ceriscioli, il Presidente della Regione Marche, in una dichiarazione rilasciata poco fa, riferendosi alla frase attribuita al Commissario per la ricostruzione, Vasco Errani.
In realtà lo stesso Errani smentisce di aver detto frasi estremamente critiche sulla gestione del post-terremoto e della ricostruzione, anche se la smentita risulta poco credibile in quanto ci sono le registrazioni. In ogni caso, smentita o no, frasi pronunciate o meno, è la realtà dei fatti che parla molto più di una frase di Errani che, anche avesse pronunciato quelle parole, non avrebbe fatto altro che confermare quello che tutti vediamo.
Il punto è proprio questo: è del tutto accademico disquisire su quanto possa aver detto o non detto Errani. Occorre invece che vi sia una netta presa di coscienza da parte del Commissario e dei responsabili della ricostruzioni, nel caso delle Marche dello stesso Presidente Ceriscioli, che fino a questo momento si è sbagliato tutto o quasi e che da oltre sei mesi non si sono fatti progressi apprezzabili. Se invece si fa il giochino, ormai trito e noto, dell’accusarsi vicendevolmente per poi discolparsi in modo tale da evitare di attribuire o attribuirsi responsabilità, non si fa altro che proseguire su una strada che non sta portando a nulla, con città ancora ingombre di macerie, sfollati che non sanno che fine debbano fare e un’intera area geografica che avanza inesorabilmente verso la desertificazione.
                                      
Luca Craia

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.