martedì 28 febbraio 2017

Quando lo svago è più importante della sicurezza. Vai a capire Montegranaro.



Archiviamo anche il carnevale scolastico di quest’anno, un carnevale caratterizzato anch’esso da una delle tante polemiche che Montegranaro vive ormai quasi quotidianamente, questa volta dovuta alla decisione del corpo insegnante del plesso di Santa Maria di vietare ai bambini di presentarsi a scuola mascherati. Da qui è partita una forte indignazione da parte dei genitori che, lancia in resta, si sono recati dalle maestre a protestare, vincendo la loro battaglia. Infatti, seppur col compromesso di evitare i costumi più ingombranti, alla fine si è consentito ai piccoli alunni di festeggiare il carnevale a scuola.
Fin qui tutto normale. Un genitore credo possa anche aspettarsi una zona ludica nell’educazione del proprio figlio e il carnevale a scuola è sempre stato, tradizionalmente, un momento di svago educativo. Quindi l’azione dei genitori è stata legittima, tanto che anche le insegnanti lo hanno dovuto riconoscere.
Quello che, però, lascia a dir poco perplessi è che la motivazione per la quale il divieto di mascherarsi era stato posto sembra essere sfuggita ai genitori. E non è una motivazione da prendere alla leggera. Il motivo per cui le insegnanti avevano chiesto di non recarsi a scuola mascherati era legato alla vulnerabilità sismica dell’edificio, considerata da tutti, compreso il Comune di Montegranaro, troppo bassa. Non abbastanza per evitare ogni rischio ai bambini portandoli in uno stabile più sicuro ma abbastanza da vietare loro di festeggiare il carnevale perché, in caso di terremoto, le maschere avrebbero reso l’eventuale fuga lenta e pericolosamente impacciata.
La preoccupazione degli insegnanti è condivisibilissima e, nello stesso tempo, estremamente allarmante. Significa che la scuola non è sicura. Significa che i ragazzi sono sottoposti a rischi gravi non solo a carnevale ma anche in ogni giorno scolastico. E qui sorge la domanda: come mai i genitori hanno dato battaglia per far mascherare i bambini ma tacciono sul rischio sismico? Come mai si è gridato allo scandalo per la festa mancata ma nessuno muove un dito per chiedere al Comune un intervento più incisivo per mettere al sicuro i propri figli? A me il ragionamento sfugge, evitando di fare considerazioni sulle priorità che una figura genitoriale dovrebbe avere.
                                      
Luca Craia

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.