giovedì 16 marzo 2017

Aldo Moro: 39 anni fa cambiava la storia d’Italia.



Me lo ricordo molto bene, quel 16 marzo 1978. Ero un bambino, ma mi impressionò tantissimo la notizia prima del rapimento e poi dell’uccisione di Aldo Moro. Era una notizia di quelle tragiche, quelle che danno la sensazione che si sia rotto qualcosa. E si era rotto davvero qualcosa, rotto irrimediabilmente.
La morte di Aldo Moro ha segnato la fine di un’era politica e sociale. Ha messo una pietra tombale su ogni aspirazione di successo per la lotta armata, ma ha anche aperto la crisi ideologica della sinistra italiana, portando alla fine del Partito Comunista, avvenuta, con la prospettiva di tanti anni passati, poco tempo dopo. Ha messo in crisi gli ideali che animavano la lotta di classe e tagliato ogni filo che potesse legare la sinistra extraparlamentare col Paese reale, relegando i ragionamenti sulla rivoluzione ai salotti radical e ai tavoli degli intellettuali con la erre moscia.
Le Brigate Rosse non hanno solo assassinato Aldo Moro, hanno ucciso una classe politica. Quella classe politica fatta di uomini alti, culturalmente e moralmente, uomini che lavoravano per la Costituzione e per il Paese, ha visto iniziare la propria fine dentro quella Renault 4 rossa, una fine che arrivò con l’ascesa di Craxi e il profondo mutamento di costume portato dagli anni ’80.
Non voglio idealizzare: si rubava anche prima. C’era corruzione ma era quella corruzione endemica alla politica, quella che, con un pizzico di fatalismo, definirei inevitabile. Ma la questione morale, fino alla morte di Moro, non era un problema prioritario. Chi governava aveva l’obiettivo primario nel ben del Paese, per poi, magari, trovare il proprio tornaconto. La morte di Moro ha condotto l’Italia verso l’epoca in cui gli obiettivi si sono prima ribaltati, per poi vedere annientato quello più nobile.
Sarebbe stata un’Italia diversa se Moro non fosse stato ucciso, ne sono convinto. Se Le BR avessero avuto il coraggio e la lungimiranza di liberarlo, avrebbero cambiato comunque la politica italiana, ma sarebbe cambiata in meglio, con un effetto filtro che avrebbe eliminato dalla scena tanti personaggi equivoci che, negli anni successivi, hanno condotto il Paese fino a Tangentopoli e all’avvento del berlusconismo, con il tracollo morale che ne è conseguito. Lasciare vivere Moro avrebbe salvato la sinistra dalla fine indegna che ha fatto, depurandola dalle connotazioni negative del marxismo, e messo i presupposti per una destra diversa, moderna, sganciata dalle pesanti eredità ideologiche del passato.
Oggi possiamo solo rimpiangere quello che non è stato. Ma possiamo anche comparare le qualità umane e politiche di chi governò l’Italia fino a quell’infausto periodo con quelle di coloro che fingono di governarla oggi. Potremmo attingere a quel patrimonio morale e culturale e pretenderlo oggi da chi si candida a guidarci. Ecco il punto: gli Italiani devono imparare a pretendere qualità da chi governa. È un diritto del Popolo Italiano, un diritto che abbiamo dimenticato.
                                      
Luca Craia

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.