lunedì 6 marzo 2017

Auguri Enzo, sempre vivo tra noi



Facebook mi ricorda che domani sarebbe stato il sessantasettesimo compleanno di Enzo Conti. Non lo sarà perché Enzo non è più con noi e la mancanza si sente ogni giorno che passa. A me manca come amico, prima di tutto. Enzo era una di quelle persone che sai che ci sono. Passare a salutarlo, sedermi alla sua scrivania con l’intento di stare cinque minuti e accorgersi che già è passata un’ora è una delle cose che rimpiango di più. La piacevolezza della discussione, anche quando su posizioni diverse, come spesso accadeva, mi manca forse più del suo immenso amore per la cultura.
Ma manca anche e soprattutto alla nostra Montegranaro. La sua assenza si sente, è forte e la vediamo del panorama delle iniziative culturali. Enzo era un formidabile timoniere quando si trattava di organizzare eventi culturali. Certo, lo dovevi affiancare perché, da buon intellettuale, inteso nel senso più nobile del termine, ero scarsamente dotato di senso pratico. Ma lui era capace di trovare testi, fonti, alibi culturali per qualsiasi cosa ci venisse in mente. Lo ricordo, vulcanico alla ricerca di testi per la Settimana della Cultura, l’ultima volta che l’abbiamo organizzata insieme. Lavorare con lui era delizioso, perché non c’erano mai screzi, semmai c’era un confronto aperto e sincero.
Manca a Montegranaro, ma questa mancanza lo rende ancora vivo tra noi, perché il suo spirito lo si sente forte, anche nelle derive degli ultimi anni, anche nella mancanza di unità che affligge in mondo culturale di Montegranaro. Allora auguri Enzo, e auguri a noi, perché sappiamo tenerti vivo nei cuori e nelle menti, a farci da guida, come hai sempre fatto.
                                      
Luca Craia

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.