mercoledì 29 marzo 2017

Il massacro turistico delle Marche



Danni indiretti da terremoto. Non quelli fasulli chiesti dal Consigliere Regionale di maggioranza, Boris Rapa, ma quelli reali subiti dalla costa delle province colpite. Ma dire che, a far danni, sia stato il terremoto è improprio. I danni li hanno fatti gli amministratori regionali uniti ai responsabili dell’emergenza, con un operato a dir poco scriteriato e inqualificabile, anche accettando la buona fede.
Sta accadendo questo: a fronte della più che legittima, anzi, direi doverosa protesta degli sfollati alloggiati nelle strutture turistiche della costa, ora stanno giungendo le disdette dei villeggianti che, visto il caos che si sta generando, preferiscono annullare e andare altrove. Si è innescato un circolo vizioso in cui, alla situazione deprecabile in cui sono stati cacciati i terremotati, si aggiunge il tracollo del comparto turistico che, a fatica, cercava di rimettersi in piedi dopo la profonda depressione derivante direttamente dalla fobia da terremoto.
Il turismo, nella parte costiera delle province più colpite, è un’economia fondamentale. Ci sono città che vivono di turismo e attività produttive e ricettive che non possono permettersi di perdere una stagione. Ma questo è quello che accade. Se si fosse adottata una politica diversa, volta a far rimanere in loco il più possibile i terremotati anziché fare questa sostanziale deportazione a cui abbiamo assistito, se si fosse accelerato al massimo per l’installazione delle SAE o, quanto meno, si fossero utilizzate strutture ricettive più interne, non saremmo a questo paradosso in cui le zone colpite direttamente vedono tracollare la propria economia per assenza di abitanti e diserzione dei turisti che non vanno certo a visitare zone rosse invalicabili. Nel contempo si sta facendo morire il settore turistico di zone che non hanno nulla a che vedere col terremoto.
Un autentico capolavoro al contrario, con danni incalcolabili all’economia regionale, danni che pagheremo per decenni. Le responsabilità politiche sono pesanti, ma non sembra che verranno assunte dai diretti responsabili. Avoglia a spot televisivi.

Luca Craia

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.