martedì 28 marzo 2017

Il semaforo della morte lampeggia. Dalle rotonde al menefreghismo. E la Provincia piange.



Piange, il Presidente della Provincia di Fermo, Moira Canigola, perché non ha fondi per mandare avanti il baraccone. Piangeva, mesi fa, il suo predecessore, Aronne Perugini, alla notizia della perdita, l’ennesima, di una giovane vita nell’incrocio della morte, quello tra la Provinciale Mezzina e l’Elpidiense. Perugini era talmente commosso da promettere una rotatoria che avrebbe salvato la vita ai futuri viandanti. Oggi, addirittura, non solo della rotatoria non si parla più, visto che non ci sono i soldi nemmeno per le cose ordinarie, ma si lascia, addirittura, l’incrocio incontrollato. I semafori che ne regolano il traffico, insufficienti, come è stato dimostrato dai fatti, anche quando accesi, sono lasciati a lampeggiare.
È forse l’incrocio più pericoloso di tutta la provincia di Fermo. è un luogo di morte, di incidenti gravissimi. Le macchine sfrecciano lungo la Mezzina a tutta velocità e spesso, troppo spesso, non si fermano con la luce rossa. E ogni tanto tocca piangere. Ogni tanto dobbiamo pagare un tributo in termini di vite umane. È un tributo che si potrebbe evitare, facendo come promise Perugini, installando una rotatoria che rallenterebbe il traffico ed eviterebbe impatti ad alta velocità. Ma, certamente, lasciando i semafori lampeggianti, si va nella direzione opposta.
Attraversare quella strada, provenendo da Montegranaro o Sant’Elpidio a Mare, è una specie di roulette russa. Bisogna sporgersi per vedere se arrivano mezzi dalla strada principale. Spesso questi arrivano velocissimamente. Il pericolo è talmente evidente che non servirebbe nemmeno parlarne. Eppure oggi c’è una luce gialla che lampeggia, incurante delle vite spezzate, delle sofferenze delle famiglie, dei rischi potenziali e reali. Il Presidente della Provincia si assume una grave responsabilità, che non potrà essere lavato da malaugurati pianti futuri. Se non ci sono soldi per una rotatoria, per far funzionare il semaforo immagino che ci siano. Si faccia almeno quello.
                                      
Luca Craia

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.