venerdì 24 marzo 2017

Italiani, brutta gente



Italiani, pizza, mafia e mandolino. Brutti, sporchi, cattivi. Popolo di delinquenti. E soprattutto, razzisti. A dare questa bella immagine di noi Italiani non sono i cugini francesi, sempre pronti a giudicarci male, né gli Americani, noti per ragionare per stereotipi. Non sono i Russi, né i Cinesi. Questo giudizio lusinghiero arriva dagli stessi Italiani o, quanto meno, da una parte di essi. C’è una smania di denigrare il nostro Paese, una voglia di generalizzare e arrotondare per difetto disarmante. In Italia è tutto negativo e, soprattutto, gli Italiani sono delle carogne.
Mi capita spesso di discutere di razzismo e immigrazione sui social sia con persone che conosco bene, ma che in quell’ambiente si vestono da santoni, sia con ignoti santoni che pontificano e forniscono sermoni non richiesti con tanto di pippotto e insulti in abbondanza per chi non pensi alla stessa maniera. Esiste un’ala della sinistra italiana che ritiene che in Italia siamo tutti razzisti, e vive in un mondo ovattato, distante dalla realtà, dove non riesce a scorgere le tante sfumature che ci sono e che fanno di qualsiasi problema non una questione di bianco o nero ma una ridda di sfaccettature cangianti nelle quali le analisi non possono essere sempre tra buono e cattivo.
Non voglio mettermi qui ad analizzare un problema che richiederebbe molte più battute di quelle che normalmente si scrivono su un blog, un problema di cui si occupano sociologi e antropologi molto più preparati sia di me che di tanti di quei santoni di cui sopra. Però vorrei dare un lampo della mia visione delle cose.
Ritengo che l’Italia e gli Italiani abbiano dimostrato e stanno tutt’ora dimostrando grande apertura, generosità ed elasticità nell’accoglienza degli stranieri. Lo facciamo da anni, anche se poi ci lamentiamo e, magari, facciamo discorsi che sanno di razzismo. Nei fatti gli Italiani hanno dimostrato di essere tutt’altro che razzisti. Ma una legislazione inadeguata e i soliti intrallazzi di chi deve lucrare su tutto con la complicità della politica stanno esasperando gli animi. A questo va unita la sensazione di insicurezza derivante dalla cronaca, che troppo spesso vede immigrati protagonisti e ancora più spesso impuntiti di fronte alla giustizia. Ci sono disparità di trattamento tra chi ha bisogno, a vantaggio degli stranieri piuttosto che degli Italiani, e questo contribuisce a esacerbare gli animi.
Ci sono difficoltà di confronto culturale, di integrazione, difficoltà che sono ben visibili la chi le vive in prima persona, nei quartieri misti, nelle zone urbane che si stanno ghettizzando. Questi problemi diventano invisibili alla lente dell’ideologia, di chi ragiona magari anche impegnandosi nel volontariato ma non calandosi nelle realtà sociali urbane. Figuriamoci se chi pontifica dal divano di casa potrà mai avere un quadro della realtà reale se non quello che si costruisca da solo cogliendo voci e mescolandole a costrutti ideologici.
Per essere efficaci nel proposito di aiutare l’integrazione bisogna avere una visione obiettiva. Purtroppo oggi molte persone impegnate, sia materialmente che moralmente, in questo campo non riescono ad avere questa obiettività e, semplicisticamente, vedono solo i difetti dei propri connazionali. In questo modo aumentano le distanze e sortiscono l’effetto contrario, creando nuove difficoltà ai processi di integrazione.
E infine gli Italiani. Si dice “Italiani, brava gente”. Io sono d’accordo. Io sono Italiano e mi reputo una brava persona, e conosco tantissimi Italiani, la stragrande maggioranza, che sono brave persone, aperte, generose, accoglienti. Gli Italiani non meritano di essere sviliti da pensieri semplicistici o da ragionamenti dettati da preconcetti culturali e ideologici. Gli Italiani meritano più rispetto, prima di tutti dagli altri Italiani.
                                      
Luca Craia

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.