venerdì 17 marzo 2017

La demolizione di una storia. Storie minime di terremoti.



C’è il terremoto che ti caccia da casa, che ti manda a vivere altrove, che ti mette due sbarre alla vita passata e non ti fa vedere quella futura. Poi c’è il terremoto che porta via i pezzi. Ha il rumore di una pala meccanica, l’odore acre della nafta bruciata e della polvere di mattone sgretolato. Posso solo immaginare cosa sia vedere buttare giù la propria casa. Sarà come vedere la corrente del fiume che porta via i ricordi, gli odori della cucina che riecheggiano nelle stanze vuote, i sapori dei baci dati ai tuoi cari. Un colpo di escavatore al muro, un colpo al cuore. E la polvere che si impasta con le lacrime. Una casa è una scatola, dentro ci si custodiscono storie, ricordi, immagini che si proiettano sul muro all’improvviso. L’infanzia, i giochi, le ginocchia dei nonni sulle quale sedersi, le sedie che cigolano, una porta che sbatte per una corrente d’aria. E poi arriva un giorno che tutto si spacca. E poi arriva un giorno che una pala meccanica porta via tutto, caricandolo sul cassone di un camion. E lì rimane uno spazio polveroso, pieno solo di ricordi, e del naso che cola per la polvere e il pianto. Alzi gli occhi e vedi la montagna, lì sopra, che tutto ha visto e tutto ricorda. Muta, vigila e attende. Arriverà il giorno in cui una nuova casa riempirà quello spazio vuoto, pronta a riempirsi di nuovi ricordi. E in una stanza si possono mettere anche i vecchi, perché il camion non li ha portati via.
                                      
Luca Craia

Grazie a Silvia Bonomi per la foto rubata e l'ispirazione

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.