sabato 1 aprile 2017

Consiglio Comunale proforma. Fortuna il Sindaco che vuole litigare.



Non ne volevo neanche parlare, tanto è stato sostanzialmente inconcludente il Consiglio Comunale di ieri sera. Ne parlo perché ci sono diversi lettori del blog che hanno piacere di averne un sunto, visto anche che ieri sera in sala c’erano pochissime persone e in streaming si è arrivati a 127 visualizzazioni. Ben misera cosa in un paese di poco meno di 13.000 anime, segnale brutto di disinteresse per la politica e la vita pubblica, segnale su cui si dovrebbe riflettere.
Un Consiglio Comunale che sarebbe stato estremamente noioso, visto che si trattava dell’ennesima approvazione del bilancio che tutto è meno che partecipato, visto che le assemblee pubbliche coi cittadini sono state fatte a conti chiusi e che non c’è stato alcun coinvolgimento di forze politiche e sociali, a livello consultivo, prima della sua stesura. Sarebbe stato noioso, stavo dicendo, ma il condizionale è dovuto al brio messo alla discussione dal Sindaco, come sempre in vena di provocazioni, violenza verbale, attacchi. Insomma, il Sindaco voleva litigare e il litigio c’è stato.
Lucentini, provocato, accusato di “mosciume”, reagisce e attacca a testa bassa, Pavoni non le manda a dire, Marilungo spara a zero. L’unico intervento mellifluo e piuttosto equivoco è stato quello di Basso, quello basso, tanto equivoco da farmi pensare che avrebbe potuto anche votare il bilancio. Ma non l’ha fatto. Comunque: il bilancio, ovviamente, è stato approvato senza colpo ferire, e il resto del tempo lo si è impiegato per discolpare la Giunta dello yogurt scaduto, per dimostrare quanto possa essere indispensabile il marciapiedone di viale Gramsci, quanto non sia vero che tra le associazioni ci sono figli e figliastri.
Insomma, il Sindaco, col suo ennesimo attacco di bile, ha dato il la a una bella litigata collettiva e catartica che vi invito ad ascoltare nella registrazione di Youtube. Per il resto siamo alle solite: la maggioranza ha i numeri per governare e lo fa sola soletta. A questo punto potrebbero fare il Consiglio Comunale col televoto o con un sondaggio Facebook e farla decisamente più corta. Tanto ai cittadini interessa poco e, tutto sommato, non hanno neanche torto.

Luca Craia

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.