giovedì 6 aprile 2017

La scritta offensiva e gli imbecilli. Non generalizziamo. La costa è stata accogliente e generosa. A chi fa comodo?



Chi ha scritto “VIA LE PECORE DAL MARE” su quel muro a San Benedetto merita tutto il disprezzo del mondo. È un cretino, un demente, un minorato mentale. È anche cattivo, e la cattiveria, unita alla stupidità, crea una miscela esplosiva, pericolosissima. Qual è il pericolo in questa storia ignobile? È quello che sta accadendo in questo momento, con la gente colpita dal terremoto, quelli che, secondo questo essere con il pancotto al posto del cervello sarebbero “pecore”. La gente è indignata, arrabbiata, giustamente offesa. E commette l’errore più classico: generalizza.
Vorrei, con il distacco dovuto, rimarcare che un imbecille non può in alcun modo qualificare tutta la gente di San Benedetto e, in generale, della zona costiera delle Marche “sporche”. Questa gente ha accolto gli sfollati, si è adoperata per aiutare, per creare le migliori condizioni per l’integrazione. La gente della costa è stata generosa, ha organizzato raccolte di materiali, eventi per trovare fondi. La gente della costa non merita il disprezzo che questa ignobile scritta genera.
È la solita guerra tra poveri, quella che piace tanto ai potenti. Divide et impera, dicevano, nella loro antica saggezza imperiale, i Romani. Quella scritta divide, spacca, rompe degli equilibri di solidarietà costruiti con fatica e amore. Fa molto comodo ai potenti, perché convoglia la rabbia lontano da loro. Facciamocela, una domanda: a chi fa comodo quella scritta? Facciamocene un’altra: siamo sicuri che sia stato un imbecille con la bomboletta a scrivere quelle parole ignobili? O magari qualcuno che le ha ben studiate?

Luca Craia

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.