martedì 11 aprile 2017

Le attrattive turistiche fermane a Roma. Ma a Fermo non c’è spazio.



Da Crivelli a Rubens”, così si intitola la mostra romana allestita nel complesso monumentale di San Salvatore in Lauro per mostrare al grande pubblico dei visitatori della Capitale un esempio delle bellezze che si possono ammirare nel territorio fermano. L’iniziativa del Pio Sodalizio dei Piceni e del comune di Fermo, in collaborazione della Soprintendenza delle Marche, ha portato a Roma alcuni capolavori fermani, come la bellissima Adorazione dei Pastori di Rubens che ha casa nel Palazzo dei Priori di Fermo, e alcune pale di Vittore e Carlo Crivelli, con l’intento di promuovere turisticamente questo lembo d’Italia così ricco di tesori d’arte. Un’iniziativa lodevole ma con diversi lati d’ombra.
Il problema è che, più che di una promozione, si tratta di un ripiego. Infatti molte strutture di Fermo e del Fermano non sono agibili, almeno temporaneamente, a causa del terremoto. Quindi, come dice lo stesso Sindaco di Fermo, Paolo Calcinaro, in una discussione sulla sua pagina rispondendo a un mio quesito proprio su questo argomento, “facciamo di necessità virtù” e, nell’attesa di avere di nuovo agibili le nostre strutture, utilizziamo queste opere per fare promozione. Tanto, al momento, non sarebbero comunque fruibili.
Una promozione, però, che rischia di rimanere sterile perché, se un turista, per esempio, in questi giorni di Pasqua in cui, normalmente, gli appassionati d’arte di muovo alla ricerca di tesori da scoprire, giungesse a Fermo, magari invogliato proprio dalla promozione che da tempo viene mossa per far conoscere questa bella città (vedi il Rubens a Milano dello scorso anno), troverebbe Palazzo dei Priori chiuso. Se lo stesso turista facesse un giro per il territorio, troverebbe quasi tutto non visitabile a causa del sisma. Quindi lo stallo in cui il territorio colpito dal terremoto vive a causa dei ritardi burocratici vanificherebbe gli sforzi per promuoverlo.
Gran parte delle strutture marchigiane sono state danneggiate in maniera lieve e potrebbero essere riaperte in breve tempo e con poca spesa. Ma sono mesi che rimangono chiuse e non si muove una paglia. Lo scorso fine settimana, tanto per fare un esempio, sono andato a Monte San Martino per vedere i Crivelli contenuti nella chiesa omonima, ma non sono potuto accedere perché è tutto chiuso in attesa di sopralluoghi.
In sostanza, promuovere un territorio, attirare turisti che poi, giungendo, non troverebbero quanto promesso a causa della lentezza pachidermica con cui si sta tornando alla normalità, è illogico e pericoloso. E la questione non è soltanto burocratica, è anche politica. Il Governo è scollato dalla realtà e la Regione si è invischiata nelle tante problematiche causate dalla sua stessa incompetenza che sembra non riuscire a dipanare la matassa. Nel frattempo le nostre bellezze se ne vanno in giro per l’Italia e, nelle Marche, facciamo morire il turismo, prima con il pastrocchio delle strutture ospitanti gli sfollati, e poi con una politica cieca che non capisce che, senza opere d’arte, il comparto è mutilato. Sono danni che pagheremo per anni.

Luca Craia

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.