mercoledì 12 aprile 2017

L’ou de Pasqua – di Simonetta Tentella




“ ‘Ngiulì…ma per chi d’è quill’ou  ‘llà la credenza..
ello rete li piatti ‘nnabbuscato
non me fa perde la pazienza…
non è che a nipoteti n’atro ne si’ comprato!
Dopo non me di’..che  non ragiono….
lo si’ pagato pure caro..adè cioccolato  vono!”
“ E zitta daje.. e dattela na’ carmata..
e n’accidenti ,ma che sarà…
na’ soddisfaziò ma la so’ leata…
anche se ciaio na’ certa età!
Ce lo magnemo noatri Peppa mia!!!…Pezzetto..pezzetto..
anche se lo colesterolo non è più coscì perfetto!!!
Mica ne dovemo fa n’abbuffata!
Ma vo’ mette la soddisfaziò…
de quanno se squaja sun bocca la cioccolata..
e dopo  joppe lu cannuccio te va jo’???
Me vè penzato a quanno ero frico…
…a quanto la so’ desiderata…
ma allora..la miseria..che te dico?
Mo’ me la potjo permette e la so’ comprata!
Ce regalava l’arance…te lo ricordi pure tu?
Ce magnamo prima la scorza..coscì ce durava de più!”
“ Eh! Quanto semo patito..ciai rajò ‘Ngiulì..
un grazie per quello che mo’  cjaemo!…
Verso  lo mejo tutti ce sa  ghj’…
de quello che d’è stato presto ce scordemo!
Ma sai che te dico? Ce si’ avuto na’ bella penzata…
non ha ‘mmazzato mai gnisciù..moccò de cioccolata!!!”
“ E a vuatri..non ve vorrjo di’ co’….
non è che ve vojo da ‘mporzà…
ma anche l’ou..fa parte de la tradiziò….
Che spettete?? Jetelo a comprà!
Po’ assieme a l’amore vostro..un pezzittu ogni dì…
adè pure quistu un modo de festeggià..parola de ‘Ngiulì!”

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.