giovedì 13 aprile 2017

Non solo cani. I problemi di convivenza con lo straniero a Montegranaro.

Se l’avessi detto o scritto io, apriti cielo. Mi sarebbero piovute addosso le ire funeste di tutta la nomenclatura radical di Montegranaro, della CGIL di Fermo (che spesso interviene dandomi allegramente del razzista) e degli hater professionisti nazionali e di importazione. Ma, siccome lo hanno riportato tutti e due i quotidiani locali, posso fare mio quanto esposto dall’associazione “Amici di Fido” che, peraltro, risulta in ottimi rapporti con l’Amministrazione Comunale montegranarese. E infatti pare sia vero quanto affermato dagli amici cinofili, ossia che ci sono diversi extracomunitari, in particolare magrebini e cinesi, che conducono cani in violazione di ogni regola sancita e di buon senso e, se qualcuno glie lo fa notare, nella migliore delle ipotesi viene insultato.
Se vogliamo essere onesti, non è una situazione gravissima. È grave ma non gravissima. Ci sono aspetti della convivenza tra autoctoni e oriundi molto più complicati, difficili e pericolosi. Per esempio ci sono bande di ragazzini magrebini che entrano nei negozi e minacciano i proprietari di mettere tutto a soqquadro se non si dà loro del denaro, oppure chiedono denaro agli automobilisti stendendosi in mezzo alla strada davanti alla macchina. Agiscono sempre in branco, sono tutti minorenni, nessuno può o vuole fare niente per fermarli.
Per fare un altro esempio, il Campo dei Tigli è diventato il Bronx. Passarci è pericoloso, specie nelle ore buie. Sono molti i casi, denunciati e non, di taglieggiamento, furto, scippo, minacce. E sono sempre giovani stranieri, quasi sempre, anche loro, Magrebini. Sono noti a tutti personaggi equivoci, spacciatori, gente dedita a traffici strani. Insomma, un quadro tutt’altro che rassicurante, tutt’altro che integrante, se vogliamo.
Poi ci sono le note di colore, chiamiamole così, come quella dei cani di cui parlano gli Amici di Fido. C’è l’episodio della svampita marocchina che ruba la macchina dell’ex assessore Zincarini per farsi un giretto a Civitanova e poi se la parcheggia sotto casa. Ci sono le macchine dei Magrebini puntualmente parcheggiate in modo di prendersi lo spazio di due macchine, o di ostruire la normale circolazione. Ci sono gli insulti gratuiti agli Italiani mentre passano per strada, ci sono le mancate osservanze dei regolamenti comunali come le parabole piazzate ovunque o il conferimento dell’immondizia fatto un po’ come ci pare. Posso continuare ancora a lungo, di esempi ce ne sono a pacchi.
Il punto è che così si convive male, e non è questione di razzismo, amici miei. È vero, ci sono anche gli Italiani che non rispettano le regole, ci sono anche gli Italiani delinquenti, se è per questo. Ma nella nostra piccola realtà locale, che non credo sia tanto diversa dalle altre piccole realtà locali, i Montegranaresi si sentono a disagio per questa situazione, perché chi viene in Italia a cercare una nuova vita non può danneggiare quella degli altri, né in maniera lieve né in maniera pesante. Proprio non può, perché poi non possiamo parlare di integrazione, di accettazione, di accoglienza. La mia esperienza personale è fatto di tentativi di integrazione e accoglienza andati a vuoto, e non sono certo una mosca bianca. E se è vero che ci sono stranieri bravissimi che, invece, fanno del tutto per integrarsi, il loro sforzo è totalmente vanificato dal comportamento degli altri che, invece, di integrarsi nemmeno ci pensano. E questo non va per niente bene.


Luca Craia

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.