mercoledì 17 maggio 2017

Riapre San Serafino. Ma sarà sicura?

L'annuncio è stato dato stasera, in maniera sorprendente e con una scelta non troppo ortodossa, con la consueta convinzione che avere una carica in Comune equivalga a potere praticare ingerenze in ogni ambito della società. Così l'assessore Strappa si è sentita autorizzata e padrona di intervenire all'incontro serale di preghiera per il Mese Mariano, che di tiene quotidianamente nella chiesa di San Pietro Apostolo, per dare comunque e ciononostante una notizia bella e gradita alla ventina di persone presenti: riapre la chiesa di San Serafino.
La Strappa ha letto un documento in chiesa. Si prevede un intervento subito dopo la fine del Veregra Street Festival per terminarlo presumibilmente a settembre. Cosa preveda l'intervento non lo so ancora ma so la cifra stanziata, che pare sia di appena 49.000 Euro. È una cifra molto più bassa di quelle ventilate fino a poco fa, una cifra che non fa pensare a un intervento "pesante".
La chiesa, però, aveva già problemi antecedenti al terremoto, problemi legati alle concause che portarono al crollo del tetto. Si ricorderà che la sacrestia absidale è tuttora puntellata perché non si è mai terminata la ristrutturazione seguente il crollo di cui sopra. Pensare di risolvere i problemi di questo tempio con una cifra così esigua mi lascia perplesso, ma attendo di avere maggiori informazioni. Intanto non posso che gioire della notizia pur mantenendo serie preoccupazioni.

Luca Craia

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.