giovedì 25 maggio 2017

Sopravissana di Visso, la pecora del futuro dei Sibillini



La “sopravissana” è una pecora, ma una pecora molto particolare. Si tratta di una specie autoctona dei Sibillini, allevata nei paesi dell’alto nera fino alla fine della seconda guerra mondiale e poi sostituita da specie più remunerative. La particolarità di questo animale è che ha sviluppato delle specifiche fisiche per poter vivere in quota, nutrendosi di pascoli difficili, mangiando cardi, spini. Per questo produce un latte speciale, con qualità organolettiche uniche. Ne produce pochissimo, circa 1/6 di quanto può produrre una pecora sarda, per fare un esempio.
La razza sopravissana è sparita, dicevamo, nel dopoguerra. Una decina di anni fa alcuni allevatori hanno deciso di recuperare la razza, intraprendendo un iter di ricerca genetica lungo, complesso, faticoso e costoso. Lavorare con gli animali, selezionare la razza attraverso gli incroci, non è come produrre un oggetto industriale: richiede grande impegno e pazienza, perché un errore può fermarti o rimandarti indietro nella ricerca del risultato. Oggi la sopravissana è una realtà concreta, una tipicità del nostro territorio, e viene allevata con un sistema estremamente rispettoso dell’animale, con un allevamento estensivo che evita ogni fattore di stress per la pecora che, comunque, è bene precisarlo, non viene allevata per il macello ma solo per latte e lana.
A proposito di lana è bene precisare qualcosa sulla tosatura della pecora. Si tratta di un procedimento obbligato, in quanto la pecora non fa la muta e, quindi, accumula il vello di stagione in stagione. Si tratta di una mutazione genetica avvenuta migliaia di anni fa che fa sì che la pecora necessiti di essere tosata in quanto, se non lo si facesse, l’animale avrebbe conseguenze pesanti sulla propria salute che quasi sempre portano alla morte. Per quanto riguarda la sopravissana, gli allevatori rispettano l’animale anche in fase di tosatura, facendolo con la pecora sciolta e, quindi, evitando ogni forma di sofferenza per la bestia.
A causa del terremoto i vari allevatori sono stati “costretti” a fare quelle che loro chiamano “pubbliche relazioni” e che non sono altro che una forma di solidarietà di categoria che ha fatto rinsaldare i rapporti fra loro tanto da far nascere l’esigenza di unire le forze per raggiungere un obiettivo comune: quello della radicalizzazione della razza sopravissana e della sua diffusione. In quest’ottica, lo scorso marzo, è nata la prima rete di impresa in questo campo, La Sopravissana dei Sibillini, un ente con personalità giuridica e partita Iva che vede al suo interno tutti gli allevatori di queste particolare specie di pecora: Luca Angeli, Giovanni Angeli Giovanni, Mirko Angeli, Giorgio Togni, Luca Togni, Silvia Bonomi e Riccardo Benedetti. Si sono messi insieme per dare un futuro a questa pecora speciale, che un po’ simboleggia i Sibillini ma che soprattutto simboleggia la voglia della gente dei Sibillini di guardare al futuro.

Luca Craia

(foto Sinvia Bonomi)

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.