giovedì 1 giugno 2017

14 richiedenti asilo a lavorare volontariamente per il Comune di Montegranaro. Uno nel settore cultura.




Sono quattordici i richiedenti asilo che verranno a Montegranaro. Lo ha stabilito una delibera di giunta votata da tutti gli assessori tranne Roberto Basso che era assente. SI tratta di un progetto che fa riferimento a un protocollo di intesa di un paio di anni fa, siglato dalle Prefetture marchigiane, la Regione e l’ANCI, interpretando una circolare del Ministero dell’Interno del 2014 con la quale si raccomanda agli enti locali di trovare qualcosa da fare agli stranieri accolti in Italia che, con la loro inattività, creano situazioni negative.
I quattordici stranieri lavoreranno su base volontaria, ossia non li obbliga nessuno, ma non si capisce cosa accadrebbe se non lavorassero come ci si aspetta. I volontari saranno inviati a Montegranaro dalla Perigeo NGO, una delle tante organizzazioni non governative che gestiscono i flussi dei migranti. La proposta, comunque, è partita dal Comune di Montegranaro che ritiene, evidentemente, che in questo modo si possa sopperire alle croniche mancanze di personale.
Dei quattordici stranieri, tredici saranno impiegati nel settore lavori pubblici mentre uno aiuterà l’assessorato alla cultura. Se questa iniziativa porterà benefici a Montegranaro è presto per dirlo. Certo è che il Comune si adopera molto per sostenere i migranti ma davvero poco fa per sostenere i propri cittadini in difficoltà. Anche questa è una questione di priorità.

Luca Craia

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.