mercoledì 21 giugno 2017

Il terremoto alla maturità. Faccio il tema pure io.



“Disastri e ricostruzione”, questo è il titolo del tema di maturità di argomento storico-politico sui cui gli studenti italiani, stamattina, potevano scegliere di cimentarsi per la prova di italiano. Un titolo pesante, se vogliamo anche insidioso, perché si scivola su argomenti che, abbiamo notato bene, urtano particolarmente la sensibilità di taluni, specie quelli particolarmente affezionati a un certo tipo di politica che tutto guarda tranne che l’interesse collettivo. Capitasse un commissario esaminante del PD a correggere il tema di un ragazzo terremotato, temo serie ripercussioni sul voto finale.
Però vorrei cimentarmi anch’io su questo saggio. Proviamo:

Tema

Disastri e ricostruzione

Svolgimento

Il 24 agosto del 2016, nelle regioni dell’Italia Centrale, c’è stato un forte terremoto. La terra ha continuato a tremare per giorni e giorni finchè, a ottobre, altre due forti scosse hanno finito l’opera distruggendo tutto quello che era rimasto in piedi. Sono morte molte persone, sono crollate case e palazzi, è venuto giù quasi tutto il patrimonio culturale di questa terra a cavallo tra le montagne.
Questo è stato il terremoto. Poi è venuto il disastro. La gente è stata portata via, lontano dai propri paesi. Le famiglie sono state divise, sparpagliate in luoghi lontani dalle proprie terre, dalle amicizie, dalla propria comunità. Le stesse comunità sono state smembrate, disintegrate, distrutte. Chi è rimasto ha dovuto passare l’inverno in condizioni disumane, al gelo, riparato in roulotte congelate aspettando aiuti che non arrivavano. Gli animali sono morti di freddo, le attività economiche sono tracollate. Sono passati i mesi e non si è fatto nulla se non un sacco di chiacchiere e un sacco di scartoffie da compilare, firmare, ricompilare, rifirmare per non vedere muoversi nulla, nemmeno una pala meccanica a togliere vie le macerie di vite sfracellate dal terremoto e mortificate dall’uomo.
Questo è stato il disastro. La ricostruzione, almeno per ora, non si sa cosa sia.

Luca Craia

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.