venerdì 30 giugno 2017

Regione Marte: i soldi degli SMS solidali per una pista ciclabile. Le SAE non si sa quando arrivano.




Mercoledì 28 giugno, i rappresentanti dei Comitati dei Terremotati hanno incontrato i vertici della Regione Marche, come avviene periodicamente ormai da qualche mese, per fare il punto della situazione, e dall’incontro sono scaturite informazione tutt’altro che rassicuranti. Partiamo dai tempi di installazione delle SAE, le famose casette che tanto sarebbero state utili (diciamo indispensabili) lo scorso inverno e che oggi, in piena estate, ancora non si vedono. La situazione pare essere molto ingarbugliata, ci sono ritardi nettissimi, a volte dovuti a problematiche insite nel territorio stesso ma che potevano essere risolte se ci si fosse mossi prima. In ogni caso i lavori procedono, anche se lentamente, e quello che è più rilevante è che la Regione non è in grado di assicurare la consegna delle casette in tempo per l’apertura delle scuole.
Per quanto riguarda le macerie, pare ci sia stato un piccolo errore nella stima della quantità del materiale da raccogliere, che era stato valutato sulle 500.000 tonnellate mentre pare che ora siano diventate più del doppio, ossia 1.100.000 tonnellate. Questo per dire quanto si abbiano le idee chiare. Alla rimostranza dei Comitati circa la campagna di informazione in materia, che lascerebbe intendere che si stia lavorando ventiquattr’ore su ventiquattro per la rimozione delle macerie, la risposta è stata, speriamo, ironica (ma non credo): si intende che si lavora 24 ore al giorno sui siti di stivaggio, mica sul territorio. Pignolerie.
I rappresentanti dei terremotati hanno anche insistito sull’evidente doppia velocità con cui si stanno sostenendo le imprese del settore turistico, con un maggiore impegno per le aziende costiere a discapito di quelle delle zone terremotate. Il bando per i tirocini sta portando buoni risultati ma non basta, bisogna studiare misure per aiutare le aziende del settore che già erano in sofferenza prima del sisma, in modo da dimostrare la reale volontà di non desertificare la zona. Per questo verranno convocati degli incontri periodici tra Regione e Comitati. L’assessore Sciapichetti ha affermato che il rilancio socio-economico è basilare, finalmente, per cui c’è da sperare, aspettando comunque la prova dei fatti, che si inizi a lavorare in questo senso. Vedremo.
Nulla di definito nel campo della viabilità, con il nodo della Valnerina ancora da sciogliere, mancando dati oggettivi. L’ANAS sta lavorando ma ancora non si sanno i tempi per terminare i lavori.
Sulla questione degli SMS solidali si è arrivati al paradosso. Dei 31.000.000 di Euro raccolti, il 60% andrà alla Regione Marche. Da qui la domanda, come si dice, è sorta spontanea: come verranno investiti? Sembra che la Regione li voglia impiegare per finanziare progetti finalizzati al turismo e alla creazione di infrastrutture. Un intento condivisibile ma vago, tanto che i Comitati hanno chiesto con forza di essere più precisi, al che la risposta degna di un film comico, o dell’orrore: si potrebbe fare una pista ciclabile da Civitanova Marche a Sarnano. Io, a questa affermazione, preferisco non commentare.


Luca Craia

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.