venerdì 14 luglio 2017

La dignità degli sfollati calpestata. La denuncia Di Rodolfo e di tanti altri.



Cibo scarso, scadente, condizioni igieniche inaccettabili, trattamenti discriminanti: si susseguono le denunce, quanto meno sui social, dei terremotati sfollati e ospitati in strutture della costa. Intendiamoci: la maggior parte degli albergatori e dei titolari di residence hanno accolto più che dignitosamente questi ospiti involontari e li hanno trattati nel migliore dei modi, instaurando con loro rapporti umani positivi. Ma ci sono eccezioni e sono eccezioni gravi, con casi di trattamenti che superano il rispetto umano e addirittura, in alcuni casi, anche le leggi.
Vincenzo Rodolfo è uno sfollato che si è ribellato. Non ha soltanto protestato, non si è limitato a postare foto e sfoghi personali su Facebook: ha chiamato i Carabinieri. Ha denunciato la scarsa qualità del cibo, la scarsa quantità, la mancanza di pulizia, gli insetti, insomma, una condizione di vita inaccettabile per gente che già vive una situazione drammatica. Un trattamento ignobile che arriva da chi ha guadagnato fuori stagione ospitando gli sfollati e ora, in pieno periodo turistico, li vede come un ostacolo.
Le responsabilità politiche sono enormi, lo abbiamo già detto, ma qui vi sono anche dei comportamenti disumani che vanno evidenziati. Ovviamente non mi metterò a fare le liste dei cattivi come qualcuno, ogni volta che tratto l’argomento, chiede. Se volete, informatevi su quali sono queste strutture per poi fare, di queste informazioni, non so cosa né mi interessa. A me preme stigmatizzare questi comportamenti e sottolineare come, da situazioni drammatiche gestite in maniera inqualificabile da parte di chi aveva e ha il dovere di tutelare i cittadini, nascano poi situazioni di disumanità vergognose. Il mio plauso, invece, va a Vincenzo, che ha avuto il coraggio di esporsi e metterci la faccia. E col mio plauso, l’esortazione a tutti gli altri: non subite, ribellatevi e denunciate chi non ha rispetto. Il rispetto vi è dovuto.

Luca Craia

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.