venerdì 11 agosto 2017

Ai terremotati togliamo pure i bagni. Andate via tutti.




È da ieri che circola la notizia, correlata dalla foto di un cartello affisso nell’area camper di Castelsantangelo Sul Nera, che la Regione Marche avrebbe deciso di portare via il modulo bagni che serviva il gruppo di terremotati che si sono stanziati in quello spazio già nell’immediato domani del terremoto. La motivazione addotta sarebbe che l’emergenza, udite udite, è finita. Il cartello è stato affisso dal Comune di Castelsantangelo. Questi i fatti.
Facciamo due ragionamenti: l’emergenza, secondo la Regione Marche, è finita. Quindi i terremotati potranno tornare nelle loro case. Peccato che le case non ci sono più, ci sono le macerie ma le case no. Quindi l’emergenza è finita, sempre secondo la Regione Marche, ma i problemi sono tutti lì. E lo stesso Comune di Castelsantangelo, che ha scritto il cartello su carta intestata e lo ha fatto attaccare nell’area camper, ancora non ha detto una parola sulla questione. Magari un po’ di conforto per i propri cittadini, una presa di posizione a loro difesa, sarebbe stata apprezzabile. Ma niente, solo silenzio.
Ho chiesto spiegazioni all’Assessore Sciapichetti e spero me ne dia. Nel caso, vi informo.
Comunque concludo: siamo di fronte all’ennesimo indizio della strategia della desertificazione delle zone montane. Io non riesco a trovarla, una logica, in un atto così meschino e stupido. Mi sono sforzato per trovarla ma non ce l’ho fatta. L’unica spiegazione che mi so dare è che qualcuno abbia deciso che i terremotati non possono più stare lì, devono andare altrove, magari il più lontano possibile. E anche il Comune, in questo caso, non è che si stia impegnando molto perché questo non accada.
Attendo smentite. Speriamo credibili.

Luca Craia

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.