mercoledì 9 agosto 2017

Visso si promuove e guarda al futuro. Appuntamento il 19 e 20 agosto, festa, musica e sapori.



Ce la stanno mettendo tutta, i Vissani, per far tornare a vivere la capitale dell’Alto Nera. Visso ha subito dani ingentissimi e gran parte della popolazione è sfollata sulla costa, ma chi è rimasto sta lavorando sodo per far rimanere viva la città e guardare al futuro, partendo proprio da quelle che sono le basi di una comunità: l’economia e la socialità. Coniugando questi due pilastri della vita di un paese, parte l’idea della Sibillini Lab, l’associazione proprietaria del marchio registrato VISSO che si è posta proprio questo obiettivo: far tornare a vivere Visso.
Con questo progetto in mente, Sibillini Lab organizza una due giorni di festa al laghetto. Gusto, si chiama questo evento, come il gusto del buon cibo, come il gusto dell’aria dei Sibillini, come il gusto di vivere in un posto magico come Visso. Sono molteplici i motivi che hanno spinto i soci di Sibillini Lab a promuovere l’iniziativa: far tornare la gente a Visso, prendendola per la gola, col ciauscolo e le altre squisite prelibatezze tipiche della zona; rilanciare le attività economiche e produttive locali che stanno cercando, tra mille difficoltà, di riprendere l’abbrivio e ripartire; far rivivere la tradizione, con i tamburini, gli sbandieratori, gli arcieri e le guide, rilanciando una componente essenziale della vita economica e sociale di Visso, il turismo.
Un ricco programma che comincia da sabato 19 alle ore 16 proprio col torneo degli arcieri e l’esibizione di sbandieratori e tamburini, cui seguiranno iniziative di intrattenimento come il truccabimbi e, a sera, la musica dei The Strange Day. Si prosegue la domenica, sempre dalle 16, col pomeriggio dedicato ai più giovani tra libri e favole. Ci saranno anche Lando e Dino con la loro musica e i loro sketch dissacranti e, a sera, di nuovo musica con gli Ol’Boogies. In mezzo a tutto questo ci saranno le attività commerciali e produttive di Visso e dintorni con i loro stand. L’evento gode del patrocinio, oltre che, naturalmente, del Comune di Visso, de I Borghi più Belli d’Italia, di Tipicità e del Gran Tour delle Marche.
Chi ama Visso non può mancare, sia perché è una ghiotta, nel vero senso della parola, occasione per vivere un po’ di tempo nella splendida città montana che, anche se ferita, è ancora bellissima e accogliente, sia perché così si può contribuire fattivamente ad aiutarne gli abitanti a uscire da questo brutto periodo causato dalla natura e dall’uomo. E forza Visso!

Luca Craia

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.